Questo sito utilizza cookie di profilazione propri o di terze parti, per saperne di più clicca qui
Quel sacchetto che ti ha salvato la vita
03-03-2018
Oggi con immensa gioia posso comunicarti che il Metodo Aiuto Intestinale è il primo in Italia ad essere stato creato per te che soffri di disturbi infiammatori cronici.
Forse ora con te c'è un magico sacchetto che ti ha salvato la vita. Ti ha permesso di respirare e di avere un po' di pace. Eppure il momento della ricanalizzazione si avvicina. Questo momento può essere molto delicato se pensi che dopo l'intervento tuo intestino riparta normalmente.
Come un bimbo durante lo svezzamento così é il tuo organismo, dopo la chirurgia, deve essere riabituato.
Sono frequenti le storie di persone che dopo un pezzo di pizza, un po' di pasta sono dovute correre al pronto soccorso per blocco digestivo. Questo non significa che tu debba digiunare. Anzi il mio monito va anche al collega che elimina molti alimenti addirittura prima dell'intervento chirurgico con il risultato di debilitare l'organismo. O che addirittura demonizza ogni fonte di carboidrato: pasta, pane perché colpevole di contenere il “demone” glutine.
La storia del gluten free e lactose free non è così semplice come te la raccontano. Inoltre una completa eliminazione, se non sei celiaco ad esempio, ti porterà a essere sempre più intollerante al glutine. Ossia il tuo sistema immunitario non venendone più a contatto risponderà in modo esagerato ad una seppur piccola introduzione di glutine. Quel prodotto gluten free, caro quanto quasi un gioiello in argento, è sempre arricchito di olio “cattivi” per la salute, di additivi e conservanti.
Non basta quindi dare la colpa al glutine, magari è l’alimentazione ad essere sbilanciata verso i primi piatti oppure solo verso i secondi piatti. Il risultato porta comunque malessere e difficoltà a digerire il pasto o addirittura scariche diarroiche.

Il consiglio che posso darti è di eliminare tutti i prodotti confezionati, di ritornare a ricette, anche di biscotti o torte, semplici: uova, farina, zucchero, burro. Di perseguire l’equilibrio e la moderazione nelle quantità, “DI TUTTO UN Po'” si dice.

E poi cerca di ascoltare il tuo corpo: se il pasto è stato ben tollerato, ad esempio dopo aver mangiato le patatine fritte, significa che quell’alimento non è pericoloso se magari scegli tu di fare il fritto, di usare olio extravergine di oliva e di mangiarlo con moderazione.
Se vuoi scoprire di più del Primo e Unico Metodo sulle IBD e infiammazioni digestive puoi scrivermi a drflocco@iltuoaiutonutrizionale.it oppure mandare un sms al 3701329747
C’è troppa confusione e troppi saputelli in giro a parlare di cibo. Fermarti e ascolta il tuo corpo.
Leggi altri articoli...
07-11-2018
Fase Premestruale e Istinti Assassini
leggi articolo
10-09-2018
Quello che le donne non dicono
leggi articolo