Questo sito utilizza cookie di profilazione propri o di terze parti, per saperne di più clicca qui
Puoi essere felice anche se sei ipotiroidea
18-04-2018
Cosa succede se hai da poco scoperto di vivere in una condizione di ipotiroidismo o come me, ti è stata diagnosticata “in ritardo”?

Tu sei la testimone di ritmi molto lenti, pensieri confusionari, perdita di memoria e di scomparsa dell’attrazione per il/la tuo/a partner. E il peso “bloccato”: un corpo fermo, immobilizzato nella sua lentezza metabolica.

Magari stai anche assumendo una terapia farmacologica: eutirox, tirosit, tiroide secca…
Ma tutto questo non ti sta portando ad avere nuove energie, sei sempre stanca e il tuo peso non ne vuole sapere di migliorare.

Anzi, ancora di più con la primavera alle porte ti stai ostinando a digiunare, a eliminare ogni forma di carboidrato. A demonizzare il cibo: lo strumento più vicino a te che può darti energie e essere fonte di gioia e di rapporti sociali.

Continue ossessioni sul peso, digiuni obbligati e altri sacrifici inutili, mentre non ti accorgi che i responsabili del tuo malessere sono da attribuire al troppo lavoro, al non avere una vita privata, all’amore che non riempie le tue giornate… all’insonnia.

Davvero pensi che la chiave di tutto sia ancora rinnegare il cibo?

Il troppo stress, le continue privazioni, peggioreranno ancora di più l’attività tiroidea e ci sarà un conseguente e continuo rallentamento del metabolismo.

Disturbi quali la stitichezza, la sindrome premestruale, la scomparsa del desiderio sessuale, dipendono anche da una buona funzionalità della tiroide.


In passato io stessa sono stata vittima di forti periodi “stressogeni” (mobbing familiare, lavorativo…) ed è proprio in quel periodo che ho visto esplodere sintomi come perdita di memoria, zero concentrazione, sonnolenza già alle 21 di sera, umore molto brutto e instabile ed infine anche un intestino molto pigro.

Però in visita medica nessuno mai mi ha chiesto se ero stressata, se mangiassi correttamente e a sufficienza…

Troppo spesso si pensa che grazie ad una pastiglia, le energie, la vitalità, la libido, ritorneranno magicamente.
Eppure forse hai già sperimentato che non è così.

Se vuoi rimediare, devi affrontare la tua vita, le tue paure, le tue trappole e magari smettere di essere continuamente in lotta con il cibo.
Il tuo corpo è già doppiamente stressato, vuoi ancora di più metterlo a dura prova?!

Monica ti racconta come è riuscita a “riavere” la sua vita e il suo corpo:

"Sono Monica, ho 47 anni. All’età di 26 ho vissuto con dolore devastante la malattia di mia mamma che, dopo soli 3 anni, mi ha lasciato. Ed è così che è iniziato il periodo peggiore della mia vita: depressione, irritabilità, insonnia, stress, ma ero troppo impegnata a consolare mio papà per cercare di stare meglio…era come se non lo volessi, stante il grave dolore che stavo vivendo. Dopo 2 anni è nato mio figlio, la gioia della mia vita, ma con lui sono arrivati anche l’ipotiroidismo, la stitichezza e le emorroidi. Dopo 4/5 anni mi sono ammalata di endometriosi. Inoltre, il costante stress, la costante pressione famigliare e lavorativa non facevano altro che tradursi in pancia tesa, dolorante, fitte addominali, insonnia, stitichezza ostinata…A quel punto ho cercato, secondo me, una soluzione per ogni mio problema: l’eutirox per l’ipotiroidismo, il progesterone per l’endometriosi, la melatonina per l’insonnia, la purga per scaricarmi, le tisane per la ritenzione idrica e il gonfiore addominale, ecc… Ma quel gonfiore e quella spossatezza, l’irritabilità, la stitichezza ostinata e le emorroidi, la ritenzione idrica non se ne andavano. Il mio peso corporeo non diminuiva, anzi, aumentava, nonostante la mia alimentazione controllata, pesce o carne ai ferri, insalate scondite, frutta solo lontano dai pasti…ed ecco di nuovo lo sconforto. Ma non ero pronta per pensare a me più seriamente, avevo tanti altri problemi famigliari e lavorativi da gestire, finchè un altro grave lutto famigliare mi ha devastata. Risultato: copiose emorragie rettali, non mi scaricavo più nemmeno con la purga, non dormivo più se non aumentando le dosi di melatonina, e ovviamente non parliamo del gonfiore, della ritenzione, dell’irritabilità e della spossatezza…il mio corpo aveva detto basta!!!!! Era tempo di raccogliere i cocci e, nonostante quella rinnovata situazione di dolore, cercare aiuto. Ed ecco che casualmente un collega di lavoro mi parla della sua esperienza con la dott.ssa Rosa Flocco. Decido di chiamarla e già mi stupisce il fatto che lei, prima di accettare di vedermi, vuole sapere i miei problemi per essere sicura di potermi essere di aiuto…mai capitato prima. Mi sento già presa in carico. La prima volta che vado in visita, la dottoressa Rosa Flocco dimostra subito un’empatia fantastica, mi sento talmente a mio agio che inizio a raccontarmi tanto profondamente che non so più se sono da una nutrizionista o da una psicologa. Per quasi 2 ore la dottoressa cerca di entrare nei minimi dettagli della mia vita per comprendermi meglio, dettagli tanto minimi che li realizzo anch’io nel momento stesso in cui li racconto a lei. Me ne torno a casa con tanta speranza. Ho iniziato i menù del Metodo Aiuto Intestinale con un briciolo di dubbi, stante le sue indicazioni così diverse dalle mie abitudini alimentari, ma che dire…ha compiuto un miracolo!!! Da subito il mio intestino ha iniziato a funzionare…ma proprio da subito!!!! Ma la dottoressa Rosa Flocco non si è fermata con il mio intestino, si è impegnata a cercare una soluzione anche per tutti gli altri miei problemi…e ci sta riuscendo. Io adoro io suo modo di porsi, la sua infinita disponibilità e umanità, il suo sapersi far carico dei problemi altrui come se fossero i suoi. Spero di aver trasmesso a tutti coloro che dedicheranno qualche minuto alla lettura della mia testimonianza, la mia serenità ritrovata grazie all’aiuto di una persona così competente come la dott.ssa Rosa Flocco.

Altre storie le trovi qui: https://www.rosaflocco.it/Testimonianze/


Magari in questa Primavera 2018 avrai l’opportunità per riposarti, apprezzare il sole, le uscite all’aria aperta e godere un bel pasto in compagnia delle persone che più ti fanno sorridere.

Buona primavera da parte mia e della mia tiroide che mi ha donato tanta consapevolezza.


(Se pensi che finalmente esiste qualcuno che è dalla tua parte e che puoi ritornare a sperare, puoi scrivermi a drflocco@iltuoaiutonutrizionale.it
oppure mandare un sms al 3701329747 per usufruire di una consulenza gratuita).

Ringrazio Kate Deering per le sue parole che mi hanno ispirata.


DR.SSA ROSA FLOCCO
IDEATRICE DEL METODO AIUTO INTESTINALE
Biologa Nutrizionista e Laureata in Neurobiologia 
Esperta nelle malattie infiammatorie intestinali, autoimmuni e disturbi legati al ciclo mestruale/ormonale

https://www.facebook.com/aiutointestinale.it/

#universodonna #ipotiroidismo #tiroidite #ossessionepeso
Leggi altri articoli...
07-11-2018
Fase Premestruale e Istinti Assassini
leggi articolo
10-09-2018
Quello che le donne non dicono
leggi articolo